Federico e Battista framed

Federico e Battista

Battista

Acrylic and Ink on Canvas 30x40cm

Fedrico

Acrylic and Ink on Canvas 30x40cm

“7 /10 novembre 2013– Nei giorni appena precedenti ero entrato in crisi, una crisi dettata dalla volontà di stabilire quasi a tavolino il tema delle tele che avrei creato. Di lì a breve avrei dovuto affrontare una mostra nel pieno centro di Milano ed era mia intenzione presentare qualcosa di inedito. Ma mi accorsi presto che non potevo razionalmente stabilire quella che è sempre stata una naturale espressione del mio essere. Avrei solo dovuto lasciare che la mia anima si librasse nell’aria fuori di me e che decidesse di esprimersi per conto proprio come aveva sempre fatto. Quel giorno compresi che la precisione delle cose stabilite risulta utile solo quando si deve far ordine fra i pensieri che naturalmente scaturiscono da dentro e che invece forzare razionalmente il proprio pensiero sul nascere, compromette fortemente l’efficacia del suo messaggio.

A quel punto lasciai che fosse la tela a decidere cosa divenire. La osservai e compresi che dovevo raffigurare ancora l’amore. Da tempo desideravo riprodurre Federico da Montefeltro e la moglie Battista Sforza. Quello sarebbe stato il momento giusto. Avrei rappresentato per la prima volta i ritratti di due coniugi, espressione dell’amore di coppia. Mi piace pensare che Federico da Montefeltro abbia voluto fortemente affianco a sé, dopo la sua precoce morte, il ritratto della donna amata proprio per rendere eterna la sacralità della coppia.

Decido questa volta di usare un tocco di colore netto ed unico per ognuna delle due tele. Il rosso dominante per la figura del duca di Urbino e l’ocra delle dorate vesti per  la contessa di Montefeltro. Vista però la maggiore complessità della rappresentazione, per la prima volta decido di creare due schizzi su carta delle stesse dimensioni delle tele. Uso questi schizzi per creare delle maschere per il colore, per poi iniziare a disegnavi su come sempre, partendo però dai contorni neri delle parti campite a colore. Il 7 novembre vede la luce ‘Federico’ e pochi giorni dopo, il 10, ‘Battista’. Le due tele sono graficamente l’una la continuazione dell’altra, ma comunque uniche e distinte e credo che, semmai dovessero separarsi, sarebbero comunque destinate un giorno a rincontrarsi.”

Annunci

Commenti (comments)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...